A partire dal 1998 la Comunità Montana Marghine Planargia ha svolto un ruolo propositivo e propulsivo per la nascita e lo sviluppo del Progetto Vinest, un progetto europeo trsnazionale finalizzato alla valorizzazione di sei piccole aree di produzione di vini di qualità in Europa. Nell’ambito di tale progetto il vino D.O.C. Malvasia di Bosa è stato considerato Prodotto Locale Tipico della Planargia e la sua valorizzazione e promozione un’occasione di sviluppo del territorio della Planargia nel settore dell’enoturismo. Tra le principali azioni in questa direzione, la nascita della Strada della Malvasia di Bosa e la costituzione dell’Associazione che da allora si occupa della sua gestione e del suo funzionamento, poco più di dieci anni fa, ebbero un significato particolare, in quanto testimonianza della felice conclusione del complesso delle attività e delle azioni del progetto Vinest, poste in essere dal partner capofila e promotore del Progetto Vinest, la Comunità Montana Marghine Planargia. Fu così che dopo un lungo e meticoloso lavoro preparatorio, il 30 agosto del 2002 venne ufficialmente inaugurata la Strada della Malvasia di Bosa. Un obiettivo ambizioso e importante che allora fu reso possibile grazie soprattutto alla lungimiranza e all'entusiasmo di quattro aziende vitivinicole, di un’azienda agrituristica, di un hotel, di tre ristoranti e di sette enti pubblici locali – la Comunità Montana Marghine Planargia e i comuni della zona di produzione, ovvero Bosa, Magomadas, Modolo, Flussio, Tinnura, Suni. Al tempo stesso, la “Strada della Malvasia di Bosa” rappresenta il frutto tangibile dell'attività e delle azioni portate avanti dai soggetti privati e pubblici, che avevano creduto e che credono che la crescita e lo sviluppo di un territorio possano avvenire solo attraverso la condivisione di obiettivi concreti e il lavoro comune, a partire dalla valorizzazione delle sue risorse naturali e d umane.

 

La Strada della Malvasia di Bosa è oggi diventata una proposta che abbraccia un intero percorso territoriale, lungo il quale si collocano aziende vitivinicole, cantine e vigneti aperti al pubblico, aziende agrituristiche, ristoranti e trattorie tipiche, strutture ricettive e alberghiere, punti di degustazione e di vendita di prodotti enogastronomici tipici e locali, musei, borghi, edifici e monumenti storici, attrattive naturalistiche e sportive, agenzie turistiche, etc. La Strada della Malvasia di Bosa è un sistema di offerta turistica integrata con tutte le altre risorse presenti nel territorio e in grado di esercitare il proprio effetto sulla domanda di enoturismo. La Strada della Malvasia di Bosa è un sistema di offerta turistica specializzata, strutturata e organizzata per soddisfare la domanda di servizi di qualità e di alta professionalità di coloro che la percorreranno. Ma “La Strada della Malvasia di Bosa” non è soltanto questo. La Strada della Malvasia di Bosa è uno strumento di divulgazione, di informazione, di commercializzazione del prodotto imbottigliato, certificato e garantito. La Strada della Malvasia di Bosa è inoltre uno strumento didattico ed educativo, in quanto rende più responsabile il consumatore, dimostra i luoghi di provenienza del prodotto, difende il territorio e l’ambiente e accresce la notorietà e l’immagine della Malvasia di Bosa collegata ai luoghi della produzione. Ma soprattutto, la Strada della Malvasia di Bosa è un'occasione e un'opportunità per tutti coloro che vorranno conoscere più da vicino un territorio suggestivo e generoso, autentico ed incontaminato, per comprendere meglio lo spirito e l’identità delle genti che lo abitano e così poter apprezzare appieno il valore culturale e sociale del suo straordinario e pregiato vino Malvasia di Bosa...