Se poco prima o poco dopo aver attraversato il suggestivo ponte vecchio di Bosa, sentirete un certo languore allo stomaco e vi verrà l'acquolina un bocca, è molto probabile che vi troviate nei pressi del rinomato ristorante Sa Pischedda, il fiore all'occhiello e il più antico dei ristoranti di famiglia. Nato agli inizi degli anni '70 e recentemente ridisegnato nei suoi raffinati, eleganti e spaziosi interni, il ristorante gode anche di ampie verande indoor e outdoor immerse nel verde, dove poter trascorrere una piacevole serata a lume di candela. La professionalità, la cordialità e la disponibilità dell’eccellente personale di sala, sono tra gli ingredienti che vi consentiranno di gustare in una piacevole atmosfera i delicati sapori di una tradizione culinaria carica di bontà e genuinità ed interpretata sempre con estrema ricercatezza ed originalità, secondo un menu che varia a seconda delle stagioni e che propone esclusivamente piatti preparati con ingredienti genuini e materie prime locali.

 

Così se amate la buona cucina e il buon vino, sarà difficile resistere alla tentazione di seguire qualcuno degli appassionati e preziosi suggerimenti enogastronomici del giovane ed estroso Manager e Chef del ristorante, Antonello Pischedda, così come sarà altrettanto difficile non essere conquistati dal suo sorriso, dal suo entusiasmo e dal suo senso di ospitalità. Scegliere poi cosa mangiare e con quale tra i tanti piatti a base di paste fresche iniziare la vostra avventura, è anch'essa decisione non facile: le anguleddas alle vongole e bottariga, i tallarinus alle delizie o ai funghi porcini, le alisanzas al ragù di scorfano e basilico, con crema di fave o al ghisadu di agnello? Ma prima ancora, come farete a non assaggiare la famosa iscritta in azzada o a non farvi tentare dal guazzetto di pesce locale, dal fritto croccante di verdure e gamberi o dal carciofo in pastella con cuore di mozzarella e bottariga su crema di peperone giallo? Certo, nel caso abbiate già assaporato qualcuna di queste portate, forse per questa volta dovrete decidere di rinunciare alla rinomata aragosta alla bosana o al pesce al Malvasia di Bosa Riserva su letto di verdure. Ma prima di andar via, come farete a negarvi il famoso semifreddo al torrone di Tonara con caramello agli agrumi o uno dei tanti dolci tipici della tradizione sarda, accompagnati da un calice di Malvasia di Bosa D.O.C.?

 

 

Per informazioni e prenotazioni:

Via Roma, 2  - 08013 Bosa (OR)

T + 39 0785 373065 – F + 39 0785 372000 - W www.hotelsapischedda.it - E Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.